Ali di pollo con patatine

Camurria porta al Catania Street Food Fest il punto di forza che la distingue dai concorrenti, le Ali di pollo con patatine. Queste alette di pollo che ricordano la specialità di KFC sono intinte in una particolare marinatura e panate con un’infarinatura che racchiude ben quindici diverse spezie. Vengono accompagnate con patatine fritte preparate alla maniera di Camurria cioè non surgelate, bensì sbucciate, affettate e fritte sul momento. Il tutto con salse preparate ad hoc: il menù solitamente comprende fino a quindici salse tra le quali troviamo la salsa barbecue, la salsa alla cipolla, al formaggio e al bacon affumicato. Vedremo quali saranno presenti al Catania Street Food Fest

Street Fooder:  Camurria
Crediti: 30

Arancina Palermitana

L’Arancina Palermitana è simile per preparazione all’arancino catanese, la differenza principale sta nella forma, che ricorda una piccola arancia e questo spiega perché a Palermo compare la “a” finale nel nome è si sostiene che l’arancina sia femmina. Per dirimere la questione sul sesso dell’arancina c’è un incontro organizzato dal Catania Street Food Fest con l’Accademia della Crusca (domenica 20 maggio). Friggitoria Vicé e figli si è attenuta alla ricetta originale dell’Arancina Palermitana: riso aromatizzato allo zafferano e ripieno con ragù di vitello (arancina alla carne) o di prosciutto, mozzarella, besciamella e prezzemolo (arancina al burro).

Street Fooder:  Vicé e Figli
Crediti: 25

Arepas con carne

L’arepa è il tipico panino venezuelano, di forma circolare e fatto con farina di mais e con un impasto molto semplice. È il piatto nazionale della cucina venezuelana e panamense, declinato in un’infinità di ricette e servito anche a colazione. Ludovica Morana per il Catania Street Food Fest ha optato per l’Arepas con Carne Mechada. La carne è detta mechada perché si tratta di uno sfilaccio di vitello simile al bollito, stufato a cottura lenta con peperoni, cipolle, pomodori e numerose altre spezie. Un vero e proprio concentrato di sapori che fa venire l’acquolina in bocca ai sudamericani e non lascia indifferenti neanche i palati nostrani.

Street Fooder: Pica
Crediti: 30

Arrosticini

Quella degli Arrosticini è una storia di verdi pascoli e transumanze. I pastori erano soliti tagliare la carne di pecora più vicina alle ossa dell’animale, che chiamavano ciavarra. Infilzavano poi i tocchetti di carne in spiedi di legno, ottenuti da una pianta tipica dei corsi d’acqua abruzzesi, il vigh. Gli Arrosticini di Pasquale Peca sono costituiti da tocchetti di carne e grasso di pecora cucinati su carbone in un tipico braciere abruzzese, la canalina. L’unico condimento è il sale, dopodiché possono essere consumati all’aperto come tipica specialità da passeggio.

Street Fooder: Assaggeria al Km 431
Crediti: 30

Bombetta della Murgia in tour

Finalmente anche a Catania è possibile assaggiare la Bombetta di Alberobello, una delle delizie più ricercate nei festival gastronomici e nei saloni del gusto italiani. Si compone di fettine di capocollo di maiale pugliese igp salate e guarnite con un pezzettino di formaggio, solitamente caciocavallo. Spolverate di prezzemolo e pepe, le fettine di capocollo vengono richiuse a forma di Bombetta, appunto. Sospesa da lunghi spiedi su una brace preparata in modo altrettanto certosino e genuino, la Bombetta della Murgia in tour è servita in pratiche vaschette da street food.

Street Fooder:  Labracemobile s.r.l.
Crediti: 30

Brioches e Granita

Già nei secoli scorsi le pendici dell’Etna erano disseminate di niviere, profondi fossi scavati nel terreno che raccoglievano la neve durante l’inverno e poi ricoperti di cenere. La neve arrivava così intatta fino alla bella stagione, pronta a ricevere succhi di frutta e di agrumi, diventando progenitrice dell’odierna granita. Ancora oggi la granita catanese vince la sfida di tante imitazioni. Servita con una brioche rappresenta una golosa e rinfrescante colazione siciliana. Duci Monofficina porta al Catania Street Food Fest la Granita nei gusti della tradizione, servita con una brioche ai cereali creata su misura da un fidato fornitore locale.

Street Fooder: Duci La Monofficina
Crediti: 25

Burritos con Chili

Il Burritos con Chili è una tortilla passata per pochi attimi nel burro, in modo da risultare più morbida e saporita. Si farcisce con il cheddar, un tipico formaggio americano, la lattuga e il chili. Esso viene preparato come uno spezzatino di carne tagliato molto piccolo, cotto nel sugo di pomodoro, speziato e profumato grazie alla rosolatura di peperoni e cipolle. La carne è un interessante e tenero misto di maiale, manzo e pollo. Servito ben caldo, al palato il Burritos con Chili sprigiona una stuzzicante nota piccante che lascia la sua firma senza mai risultare troppo forte.

Street Fooder: Il Pappamondo
Crediti: 40

Cannolo

Il Cannolo di Piana degli Albanesi rispecchia la semplicità di una ricetta comune a molti pasticceri di questa comunità arbëreshë, con una scorza realizzata non tanto per resistere agli urti o non inumidirsi se a contatto con altri ingredienti, ma per essere gustata anche da sola e risultare buona e friabile. Per realizzare la scorza di questo cannolo non si usano né cacao né altri dolcificanti, bensì l’aceto di vino vecchio locale. Anche la ricotta è del territorio, esclusivamente di pecora, con poco zucchero e lavorata al setaccio. Il Cannolo di Piana degli Albanesi è risultato vincitore allo Street Food Fest 2017.

Street Fooder: La Piana della Bontà
Crediti: 20

Crocchette di filetto di baccalà

Queste crocchette vengono preparate a partire dal filetto di baccalà, nordico merluzzo conservato sotto sale davvero energizzante (contiene più proteine della carne), impastato con patate lesse, formaggio, prezzemolo e aglio. Nasce così una sorta di arancino senza punta, impanato e fritto per ottenere una corposa duratura. In realtà questa ricetta è stata osservata da Maria Livera per la prima volta in terra spagnola.

Street Fooder: Siamo Fritti
Crediti: 60

Curry e Basmati

La cucina indiana è molto speziata e il Curry e Basmati presentato al Catania Street Food Fest offre un ampio ventaglio di aromi e odori della tradizione dell’India. Il riso viene semplicemente bollito, mentre le carni di manzo e di pollo ricevono l’aroma del curry dal colore arancio acceso, della curcuma gialla e dello zenzero dorato. Il tutto unito a un minestrone di verdure insaporito con aglio, coriandolo e gli immancabili curcuma, zenzero e curry. Gli odori si mescolo, i profumi si sprigionano e i colori naturali catturano l’attenzione e preparano il palato a una gioiosa esperienza di intensità e gusto.

Street Fooder: India Curry Restaurant
Crediti: 35

Fish & Chips – Coppo di paranza

Immaginate dei buonissimi tocchetti di filetto di merluzzo, platessa, latterini e calamaretti. Immaginateli avvolti in una leggera farinatura e immersi nell’abbraccio bollente dell’olio dorato, per una fragrante frittura che li rende caldi, sfiziosi e assai stuzzicanti. Anche il più prelibato pesce, tuttavia, vuole la giusta compagna per vincere le mille battaglie del gusto e conquistare il palato di tutti: una patata anch’essa fritta e salata con maestria, che regala consistenza e appagamento ad ogni boccone. Il tutto in un unico, fumante coppo da passeggio, il Coppo di pesce fritto con patate che potrete gustare durante il Catania Street Food Fest.

Street Fooder: Fritto Siciliano
Crediti: 60

Fish Burger

I Fish Burger di Siamo Fritti presenti al Catania Street Food Fest sono due, preparati con una polpetta di gambero oppure con una fettina di pesce spada. La polpetta di gambero, che viene fritta in olio bollente, si ottiene da un impasto di uova, formaggio, gamberetti di nassa sgusciati. Anche la fettina di pesce spada viene impanata e fritta. Entrambi i Fish Burger sono accompagnati da insalata e patatine fritte.

Street Fooder: Siamo Fritti
Crediti: 65

Focaccia con Ricotta

Al Catania Street Food Fest non poteva mancare la Focaccia con Ricotta dell’Antica Focacceria 1856, che per tutto il Novecento e fino al 2005 ha sfornato solo ed esclusivamente questa specialità. Viene prima preparato e infornato il pane. Una volta pronto e ancora caldo, viene tagliato a metà per ricevere la sua farcitura di ricotta fresca, caciocavallo e un pugnetto di strutto e di acqua, giusto per dare un sapore ancora più rotondo al tutto. Una focaccia di origine contadina, apprezzata da oltre un secolo dai bagheresi e non solo.

Street Fooder: Antica Focacceria dal 1856
Crediti: 30

Frozen Yogurt

Al Catania Street Food Fest Yogorino è presente con una coppa di frozen yogurt. All’aspetto questo street dessert risulta bianco per natura, senza nessun aroma classico a dominare, bensì con un gusto riconoscibile e deciso. Già da solo il frozen yogurt conquista per la consistenza cremosa e vellutata, ma allo stand Yogorino si potrà scegliere tra diversi topping alla frutta, granelle di amaretti o meringhe, cereali, riso soffiato, nutella e altre salse per farcirlo secondo il gusto preferito dal cliente.

Street Fooder:  Yogorino
Crediti: 25

Gnocco Fritto

Lo Gnocco Fritto è tipico di Modena, viene fritto nello strutto e servito con mortadella emiliana assumendo spesso una forma quadrata.

Street Fooder: La Tigellona in Lapa
Crediti: 30

Kai Saté

Il Kai Saté è un piatto street food che contiene in sé molte caratteristiche della cucina thailandese, prime su tutte la leggerezza unita a una forte componente aromatica. Su uno spiedo si gustano bocconcini di pollo saltati alla griglia e bagnati da un’appetitosa salsa agli arachidi, espressione delle tradizioni culinarie di terre vicine e alla Thailandia, come Birmania, Cina e Laos. Già l’odore contagia e trasmette la voglia di mordere il pollo e di gustare la persistenza della salsa, che gioca sul dolce e il salato stuzzicando l’appetito.

Street Fooder:  Thai Princess
Crediti: 25

Oddog di Maiale e Oddog di Pollo

FUD Bottega Sicula porta al Catania Street Food Fest due diverse specialità che rispecchiano i sapori e la filiera corta che da sempre quest’azienda ricerca. Il visitatore può scegliere di gustare l’Oddog di Maiale, un soffice panino farcito con freschissima insalata iceberg, croccante cipolla crispy e un’invitante e ben aromatizzato bacon. Oppure può optare per l’Oddog di Pollo, che prevede un condimento arricchito da cipolla rossa stufata e senape, sempre all’interno di un morbido panino.

Street Fooder: FUD Bottega Sicula
Crediti: 40

Pane Cunzato

Il Pane Cunzato è considerato da Sambuco Pane Condito un prodotto classico, gustato nel corso degli anni da clienti che una volta erano ragazzi e che oggi tornano nel locale da capifamiglia, con tutti i loro cari. Si prepara con pagnotte di pane casereccio tagliate a metà e private della mollica all’interno, reperite in un vicino forno che ogni giorno sforna forme da mezzo chilo giusto qualche ore prima dell’apertura del Sambuco. Il Pane Cunzato presente al Catania Street Food Fest è condito con olio, sale, origano e peperoncino. Questo condimento assai semplice esalta a sua volta tre ingredienti doc: i pomodori secchi, le melanzane e le olive. Ne consegue un sapore strutturato e ricco di persistenza, capace di soddisfare anche una clientela veg.

Street Fooder: Il Sambuco Pane Condito
Crediti: 25

Panino con carne di cavallo

La carne equina è un vero must del cibo di strada catanese, tanto che solitamente non solo si mangia per strada, ma addirittura si cucina on the road in ampi bracieri dai quali s’innalzano potenti e profumate colonne di fumo. Il Panino con carne di cavallo preparato da Macelleria Longo rispetta la sapidità dolciastra di queste fettine di primo taglio cotte alla brace e condite semplicemente con olio e sale.

Street Fooder: Macelleria Longo
Crediti: 30

Panino con polpetta di cavallo

Giuseppe Longo porta al Catania Street Food Fest anche il Panino con polpetta di cavallo. La polpetta è condita con aglio, cipolla, mollica, pepe e uova, secondo la tradizionale ricetta catanese. Il tutto a farcire un fragrante panino di produzione locale, per una ricetta che rende morbida e aromatica la piacevolezza della carne di cavallo.

Street Fooder: Macelleria Longo
Crediti: 30

Panino con la milza

Il Panino con la milza ha una storia antichissima fatta risalire al Medioevo e alle tecniche di macellazione della comunità ebraica palermitana. La milza di vitello viene bollita insieme a pezzetti di polmone e trachea dell’animale. La cottura termina in tegami di rame con una rosolatura a fuoco lento nella sugna o nello strutto, grassi ottenuti dal maiale. La milza è servita in un panino al sesamo aperto a metà. Il panino con la milza può essere gustato “schiettu”, cioè condito con solo limone, oppure “maritatu”, arricchito con ricotta e caciocavallo.

Street Fooder:  Nino u’ Ballerinu
Crediti: 30

Panino con Panelle e Crocché

Panelle e crocché sono una coppia imbattibile dello street food palermitano. Compongono la dorata scena che ogni friggitoria è orgogliosa di esporre. Le panelle sono a base di farina di ceci, l’impasto viene scaldato sul fuoco e versato su un piano dove assume la classica forma quadrata delle panelle. Le crocché o cazzilli sono invece preparate con un impasto di patate vecchie e prezzemolo. Fritte in olio bollente e condite con sale, pepe e limone, panelle e crocché farciscono un morbido panino al sesamo. 

Street Fooder:  Vicé e Figli
Crediti: 30

Panino con Salsiccia di Palazzolo Acreide

La Salsiccia di Palazzolo Acreide si ricava dal suino nero, specie tipica dei Monti Iblei allevata dalla maggior parte delle famiglie di Palazzolo Acreide. Il suino nero viene allevato seguendo un disciplinare specifico e nella salsiccia si trovano ben nove tagli di carne di suino nero, con una percentuale bassa di grassi. La carne è aromatizzata con pepe rosso, sale marino di Sicilia, finocchietto degli Iblei e marinata con vino rosso della Val di Noto. L’accompagnamento è affidato alla Cipolla Giarratana. Due presidi slow food in un solo panino, ottenuto da un grano duro della zona.

Street Fooder: Associazione Vicoli e Sapori
Crediti: 35

Panino con Suino Nero dei Nebrodi

I visitatori del Catania Street Food Fest potranno gustare il suino nero dei Nebrodi cotto a legna, da addentare insieme a un fragrante panino capace di trasformare questo secondo piatto – solitamente consumato nel verdeggiante paesaggio dell’Agriturismo Il Vecchio Carro – in un campione del cibo di strada. Il Panino con Suino Nero dei Nebrodi è accompagnato da cipolla caramellata oppure da limone siciliano. Grazie alla cottura a legna, le carni ricevono un’eccellente aroma dovuto a legnami appositamente scelti. La carne di suino nero è inoltre aromatizzata con finocchietto selvatico, secondo una ricetta semplice e naturale, che salvaguardia la genuinità degli ingredienti.

Street Fooder: Il Vecchio Carro
Crediti: 40

Pizza fritta

La Bottega di Crescenzio porta al Catania Street Food Fest la Pizza fritta, esempio di cibo povero della tradizione partenopea che oggi interpreta nel modo più genuino e saporito il concetto di cibo di strada. L’impasto è lo stesso della pizza napoletana doc: acqua, farina, lievito di birra, sale e pepe, mentre la frittura viene eseguita in olio bollente. I panetti pizza, una volta lievitati, vengono lavorati, stesi sul piano e farciti con prodotti freschi reperiti su territorio siciliano. La curiosità circa questi ripieni sarà svelata solamente durante il festival catanese.

Street Fooder: La Bottega di Crescenzio
Crediti: 30

Pizzolo di Sortino Gluten Free

Il Pizzolo di Sortino è simile a una focaccina o a una pizza coperta, con un impasto che normalmente risulta morbido da gustare, simile alla brioche. Per il Catania Street Food Fest Ciciri e Simenza ha deciso di presentare il Pizzolo di Sortino Gluten Free, preparato con la farina di riso e dunque adatto ai celiaci. Tre i condimenti previsti: pomodoro e mozzarella di Bufala oppure mortadella, crema di pistacchio, rucola e scaglie di parmigiano. Ci sarà anche una versione adatta ai vegani, condita con una crema di ceci neri di Leonforte e verdure di stagione cotte a vapore.

Street Fooder: Ciciri e Simenza
Crediti: 50

Pull Porc

La pietanza scelta da Nero Maialino per il pubblico del Catania Street Food Fest è il Maiale in Birra Artigianale. Il maiale è sottoposto a una particolare speziatura e cuoce a bassa temperatura, affinato da una birra rossa artigianale siciliana assai particolare per la fermentazione di spezie e cereali. La succosa carne di maiale viene poi sfilacciata in modo da spandere un sapore intenso, arricchito in particolare dalla birra rossa e dagli altri odori e aromi. Diventa pienamente un cibo da strada, infine, incontrando un fragrante panino farcito anche con cavolo bianco, cavolo rosso di Adrano e salsa barbecue.

Street Fooder:  Nero Maialino
Crediti: 40

Sarde a beccafico

Le sarde a beccafico sono un piatto street food di origine araba. Nella versione di Siamo Fritti Maria Livera segue né più né meno che la ricetta di sua nonna Barbara. Il segreto di queste sarde fritte sta nel pangrattato che le imbottisce, preparato con pancarrè, pistacchio locale, mandorle, noci, uva sultanina, formaggio, olio evo e altri profumi top secret che i visitatori del Catania Street Food Fest si divertiranno a riconoscere.

Street Fooder:  Siamo Fritti
Crediti: 40

Sfincione Bagherese

Simile alla pizza, ma dallo spessore maggiore, il termine sfincione deriva dal latino “spongia”, che significa “spugna”. In effetti è morbido da mordere, con una sottile crosta alla base che da’ soddisfazione a chi cerca consistenza. Il condimento dello Sfincione Bagherese differisce da quello dei centri vicini, prevedendo cipolla bianca, mollica, caciocavallo semistagionato, sarde o acciughe, origano, sale, pepe, ricotta (o formaggio primosale, qui assente). Dunque non è previsto il pomodoro, per questo si è soliti parlare di sfincione bianco di Bagheria.

Street Fooder: Antica Focacceria dal 1856
Crediti: 30

Tachin iraniano

I visitatori del Catania Street Food Fest potranno assaggiare il Tachin iraniano, uno sformato di riso e pollo che solitamente si presenta come una torta salata da porzionare successivamente. La preparazione prevede l’impiego di yogurt fresco, burro, uva passa e zafferano. Il sapore fa risaltare il salato nella giusta dose, ma c’è anche un tono agrodolce per la presenza del ribes e del pistacchio. Il Tachin iraniano per alcuni suoi ingredienti non è troppo dissimile dall’arancino catanese, ha però un’altra forma, non è fritto e certamente esalta i tipici aromi dell’Iran.

Street Fooder:  Ristorante P.K.
Crediti: 25

Tapas Albondigas

Altro piatto presentato al Catania Street Food Fest da Tapas BirBar è la Tapas Albondigas, polpettine di carne e mandorle in agrodolce e caramellate, talmente buone che provate la prima volta vengo richieste nuovamente. È proprio dai due secoli di dominazione spagnola sul Ducato di Milano che provengono le polpette di carne con pinoli della cucina italiana: è ora di riscoprire i sapori della cucina tradizionale spagnola rivisitata in chiave street food.

Street Fooder:  Tapas BirBar
Crediti: 40

Tigelle

Le Tigelle presenti al Catania Street Food Fest sono di due tipi di farcitura: con crudo e squaquerone (un formaggio vaccino fresco e cremoso) oppure con crema di lardo e grana. È uno dei piatti street food tradizionali dell’Emilia, una sorta di disco di pane preparato con farina, latte, olio, sale, panna e lievito di birra. 

Street Fooder: La Tigellona in Lapa
Crediti: 30

Birra per celiaci

Crediti: 40

Birra

Crediti: 30

Vino

Crediti: 20

Polara

Crediti: 20

Amaro

Crediti: 10

Acqua

Crediti: 10